Spazio dedicato alle Citazioni

Spazio dedicato alle Citazioni

Messaggioda eco_admin » 28 mag 2012

Immagine

Ventuno settimane.


18.6.2013
Aggiornato da Sabrina


Spazio dedicato alle Citazioni

Citazioni da la "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" Luis Sepùlveda

“Ti vogliamo tutti bene, Fortunata. E ti vogliamo bene perché sei una gabbiana, una bella gabbiana. Non ti abbiamo contraddetto quando ti abbiamo sentito stridere che eri un gatto, perché ci lusinga che tu voglia essere come noi, ma sei diversa e ci piace che tu sia diversa. Non abbiamo potuto aiutare tua madre, ma te sì. Ti abbiamo protetta fin da quando sei uscita dall’uovo. Ti abbiamo dato tutto il nostro affetto senza alcuna intenzione di fare di te un gatto. Ti vogliamo gabbiana. Sentiamo che tu ci vuoi bene, che siamo i tuoi amici, la tua famiglia ed è bene che tu sappia che con te abbiamo imparato qualcosa che ci riempie di orgoglio: abbiamo imparato ad apprezzare, a rispettare e ad amare un essere diverso. E’ molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo. Sei una gabbiana e devi seguire il tuo destino di gabbiana. Devi volare. Quando ci riuscirai, Fortunata, ti assicuro che sarai felice, e allora i tuoi sentimenti verso di noi e i nostri verso di te saranno più intensi e più belli, perché sarà l’affetto tra due esseri completamente diversi”.
“Volare mi fa paura” stridette Fortunata alzandosi.
“Quando succederà, io sarò accanto a te” miagolò Zorba leccandole la testa. “L’ho promesso a tua madre”.
La gabbianella e il gatto nero grande e grosso iniziarono a camminare. Lui le leccava teneramente la testa, e lei gli copriva il dorso con una delle sue ali tese.



Citazioni dall'"isola e le rose” Walter Veltroni


“Siamo dei sognatori? Può darsi. Ma un eccesso di realismo ha tolto all'umanità le utopie che l'hanno fatta crescere e l'ha costretta alla paura e alle avventure. Cristoforo Colombo non era un realista, come non lo era Galileo. Cercavano qualcosa che non c'era ancora, nella coscienza e nel sapere di tutti. Esploravano frontiere e si sottoponevano al fuoco dei venti. Nulla di paragonabile, ovviamente. Ma nella di vita di ciascuno di noi in fondo è racchiusa una domanda: cosa vuoi sia il tuo tempo? Io voglio sia viaggio e fantasia, chepoi sono la stessa cosa. Non voglio star fermo a contare giorni, mesi, anni. Non voglio invecchiare bene. Voglio che la mia vita sia un campo di battaglia, che porti le cicatrici di mille sfide, e l'orgoglio di averle provate. Voglio che tuti i miei infiniti occhi abbiano visto quello che sono riusciti a cercare. Voglio che non ci sia una musica o una parola che io abbia respinto come nemica. Voglio che le cose nuove non mi facciano paura, ma siano il mio Santo Graal. Voglio vivere, non passare il tempo”

“Noi non abbiamo dato amore facile a chi non l'ha. Abbiamo cercato di dare ragioni per dubitare, musica per fantasticare, il coraggio di sognare quello che non c'è”

Quelle pagine hanno riposato insieme, aderendo l'una all'altra come amanti insaziabili, per più di quarant'anni. Ora le foto sono tornate davanti ai suoi occhi, trascinate da sua nipote che ha conosciuto un ragazzo che ha trovato una borsa frigorifera in fondo al suo mare. La vita, che meraviglia!
Forse, senza che lui ne fosse cosciente, l'isola gli aveva dato un appuntamento.
Prima che gli invasori sbarcassero, prima che il tritolo alzasse quella nuvola di fumo, Enrico aveva stipato nella sua borsa frigorifera dischi, carte, oggetti. E poi l'aveva gettata, con una forza figlia della rabbia, in fondo al mare. Lui si era sempre chiesto perché. Ora lo sa. Ciò che è stato resta,si era detto allora per lenire il dolore. Ogni gesto, ogni parola, ogni sentimento sono in un angolo remoto dell'universo e prima o poi tornano. Come l'acqua sospinta dalle maree. Tutto si crea, nulla si distrugge. E' la memoria, la forza del mondo.

“Questa è stata la nostra vita, ragazzi. Abbiamo conosciuto tutto tutti insieme, nello stesso momento. Siamo il prodotto di una matrice comune. Siamo stati sfrontati e sicuri, ora siamo fragili e impauriti. Ma abbiamo vissuto, scalato. Siamo caduti e risaliti. Abbiamo vinto e perso. Siamo stati vivi. E' l'augurio che faccio a voi, oggi. Pensatevi nel tempo, no nell'istante. Abbiate l'ambizione di fare qualcosa di grande e dunque immaginatelo, sognatelo. Non sono i sogni non realizzati ma quelli non fatti a rendere futile e stupida una esistenza”


Citazioni da Il piccolo principe

“Che cosa vuol dire “addomesticare?”
“E’ una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami,,,,,”
“Certo” disse la volpe, “Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo”.


“Voi siete belle , ma siete vuote”, disse ancora. “Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi assomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa”

“Addio” disse la volpe. “Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi…..(…….) è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante….(…) tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa……”



Citazioni dal romanzo di Massimo Gramellini “Fai bei sogni”

Non essere amati è una sofferenza grande, però non la più grande. La più grande è non essere amati più. Nelle infatuazioni a senso unico l'oggetto del nostro amore si limita a negarci il suo. Ci toglie qualcosa che ci aveva dato soltanto nella nostra immaginazione. Ma quando un sentimento ricambiato cessa di esserlo, si interrompe bruscamente il flusso di un'energia condivisa.

Se un sogno è il tuo sogno, quello per cui sei venuto al mondo, puoi passare la vita a nasconderlo dietro una nuvola di scetticismo, ma non riuscirai mai a liberartene. Continuerà a mandarti dei segnali disperati, come la noia e l'assenza di entusiasmo, confidando nella tua ribellione.

Avevo sedotto Emma nella sorpresa generale, anche un po' mia, mettendo finalmente a frutto una lezione infallibile: ascoltarla. Le donne non si conquistano con le corde vocali, ma con gli orecchi. Noi maschi sprechiamo tempo a rintronarle di battute memorabili quando l'unica cosa che ci chiedono è di prestare attenzione ai loro pensieri.

Gli affetti dell'infanzia si imprimono nel cuore come tatuaggi indelebili. Quando sembrano morti sono solo svenuti. E possono riprendere a vivere senza bisogno di troppe spiegazioni.

Pur di non fare i conti con la realtà preferiamo convivere con la finzione, spacciando per autentiche le ricostruzioni ritoccate o distorte su cui basiamo la nostra visione del mondo.
L'intuizione ci rivela di continuo chi siamo. Ma restiamo insensibile alla voce degli dei, coprendola con il ticchettio dei pensieri e il frastuono delle emozioni. Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perchè altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere. Completamente vivi.



Nelson Mandela

“I have cherished the ideal of a democratic and free society in which all persons live together in harmony and with equal opportunities. It is an ideal which I hope to live for and to achieve. But if needs be, it is an ideal for which I am ready to die”



Oscar Wilde

“To live is the rarest thing in the world. Most people exist, that is all”.
“Discontent is the first step in the progress of a man or a nation”.
“Always forgive your enemies –nothing annoys them so much”


Desmond Tutu

“In the land of my birth I cannot vote, whereas a young person of eighteen can vote. And why? Because he or she possesses that wonderful biological attribute - a white skin”
eco_admin
Site Admin
 
Messaggi: 549
Iscritto il: 07 feb 2006

Re: Spazio dedicato alle Citazioni

Messaggioda eco_admin » 02 nov 2012

2.11.2012
Aggiornato da Sabrina
eco_admin
Site Admin
 
Messaggi: 549
Iscritto il: 07 feb 2006


Torna a Archivio